news

Russia - Lo splendore di un lontano passato


Eretto nel 1900, l'edificio conosciuto come il Grand Hotel de Sibérie era stato commissionato come investimento immobiliare da Nikolai Dmitrievich Stakheev, un ricco e famoso commerciante proprietario di una prospera attività commerciale che distribuiva grano, zucchero e tè in quasi tutto l’Impero russo nei secoli XVIII e XIX. Quando Stakheev e la sua famiglia emigrarono a Parigi dopo la Rivoluzione Russa, tutte le loro proprietà a Mosca furono nazionalizzate. Questo enorme edificio di cinque piani, che all'inizio era riservato principalmente a negozi e magazzini, e ospitava appartamenti e il noto hotel, divenne una proprietà demaniale a disposizione del governo russo.
 
Dopo essere stato abbandonato alla fine degli anni '90, l'edificio è stato dichiarato patrimonio culturale nel 2016 e successivamente sottoposto a un importante piano di riqualificazione. La ristrutturazione generale dell'edificio è stata realizzata nel massimo rispetto di tutte le sue caratteristiche architettoniche e decorative, sia negli interni che in esterno. Questo importante progetto prevedeva anche l’installazione di un nuovissimo sistema di illuminazione architetturale esterno completamente basato su corpi illuminanti GRIVEN.
 
Concepito dalla Lighting designer russa Tatiana Lyasina, lo schema di illuminazione dell'edificio è basato su una sinfonia ben orchestrata di diverse tonalità di bianco ottenute con corpi illuminanti GRIVEN in bianco dinamico. Offrendo la possibilità di modificare la temperatura del colore nel range da 2700 a 6500K, le configurazioni dinamiche bianche selezionate sono in grado di fornire un'emissione luminosa senza precedenti  che crea una straordinaria proiezione dinamica di tonalità calde, sfumature naturali e toni freddi, la cui miscelazione elettronica garantisce un’ineguagliabile varietà di sfumature di luce bianca. In questo particolare progetto, diverse combinazioni di tonalità bianche applicate a gruppi di elementi ricorrenti, superfici diverse o dettagli architettonici ripetitivi, consentono la creazione di modelli di luce completamente diversi per lo stesso oggetto, ravvivando di volta in volta la percezione visiva e l'aspetto dell'edificio durante la notte.
 
La trasposizione del complesso progetto illuminotecnico su questo importante edificio ha richiesto un notevole numero di apparecchi di illuminazione: 35 RUBY MC con ottica media in configurazione bianca dinamica sono stati utilizzati per illuminare gli spazi tra le finestre fino al cornicione superiore. Questi corpi illuminanti a LED di dimensioni medie, con elettronica e alimentatore integrati, sono ideali per l'illuminazione d’accento o radente grazie all'ampia gamma di gruppi di ottiche intercambiabili disponibili. Inoltre, la loro emissione di luce omogenea consente una perfetta distribuzione su una superficie ruvida come le pareti in mattoni di silicato del palazzo. Quasi 50 faretti ultra compatti MICRO-CLIP MK2 in bianco caldo con ottica larga o stretta sono stati scelti per enfatizzare la merlatura del tetto, che ora ne delinea i contorni in modo originale e sorprendente. 30 EKLIPSE in configurazione di colore bianco caldo con ottica ellittica sono stati utilizzati per valorizzare in modo raffinato le arcate delle finestre panoramiche del piano superiore. Ideato per rivelare e valorizzare gli elementi architettonici ricavati sulle facciate di edifici sia storici che moderni con effetti dinamici e scenografici, Eklipse crea suggestivi effetti di luce grazie al suo fascio morbido e facilmente personalizzabile, delineando in modo deciso il perimetro di finestre, davanzali o elementi architettonici ricorrenti. Le dimensioni ridotte, il design discreto e minimalista e l’elevata flessibilità di installazione nelle più svariate situazioni, grazie ad un semplice sistema di regolazione, lo rendono uno strumento irrinunciabile per i lighting designer che desiderano la massima libertà di scelta grafica e cromatica.
 
14 ORPHEO S a doppia emissione sono stati installati sulle colonne del livello inferiore equipaggiati di ottica stretta (verso il basso) e ottica larga (verso l'alto). ORPHEO S é un applique a LED per montaggio a parete, disponibile con cono di luce verticale singolo o doppio, che esalta le linee architettoniche dei palazzi con un elegante effetto di illuminazione d’accento. La versione con fascio doppio può, su richiesta, montare LED e ottiche diverse e a gestione indipendente per la massima flessibilità. 
 
Inoltre, per completare lo schema di illuminazione con effetti radenti sempre a luce bianca, sono state installate in punti prefissati quasi 100 barre lineari PARADE S-DW-20 con ottica ellittica o ellittica larga per far risaltare le decorazioni della facciata, i frontoni e i cartigli, la base inferiore delle colonne superiori che circondano tutto l'edificio, le torrette superiori e altri elementi decorativi.
 
Prodotti installati:
14 x ORPHEO S DOPPIA EMISSIONE BIANCO CALDO OTTICA LARGA/ STRETTA 
35 x RUBY MC DYNAMIC WHITE OTTICA MEDIA 
41 x MICRO-CLIP MK2 WW OTTICA LARGA 
   6 x MICRO-CLIP MK2 WW OTTICA STRETTA 
74 x PARADE S-DW-20 DYNAMIC WHITE OTTICA ELLITTICA LARGA 
21 x PARADE S-DW-20 DYNAMIC WHITE ELLITTICA 
30 x EKLIPSE WARM WHITE ELLITTICA 
   1 x IP65 CONTROLLER DMX
   2 x AMPLIFICATORE DI SEGNALE DMX A DUE CANALI
 
Crediti:
Lighting design: Tatiana Lyasina
Foto: GRIVEN Russia

Germania - Emozioni Hi-tech alla thyssenkrupp Tower

Fondata dai Romani quasi 2000 anni fa, Rottweil è la città più...
leggi

Qatar - Al Daayen Wedding Hall Compex: un matrimonio splendente

Dopo il successo di Al Rafaa Celebration Complex, Al Daayen Wedding Hall...
leggi

archivio