news

Korea del Sud: Un ponte tra terra e tradizione


Rinomato in tutta la Corea del Sud in quanto infrastruttura innovativa e tecnologicamente avanzata, il Ponte Yeonggwang collega Baeksu-Eup e Hongnong-Eup a Yeonggwang-gun nella regione di Jeollanam-Do. Iniziata nel 2008, la costruzione di questo ponte strallato è stata completata nel 2016 dopo 8 anni di duro lavoro. Il nuovo ponte marittimo e terrestre è costituito da due corsie larghe 16,9 m e lunghe 2,2 km. Con una distanza di 320 m tra i due piloni principali, il ponte marino raggiunge una lunghezza di 590 m. Estendendosi dalla cima dei due piloni a forma di pagoda, una rete di cavi paralleli scorre da entrambi i lati delle torri verso il ponte formando un disegno a ventaglio, caratteristica tipica dei ponti strallati.
 
Il ponte di Yeonggwang si adegua armoniosamente per forma, che ricorda una pagoda, e dimensione, vista l’altezza di 108 m, al paesaggio ed alle tradizioni locali. Infatti, l'altezza dei suoi piloni riflette la storia e la cultura del buddismo di Baekje, attrazione principale di questa zona per turisti e fedeli. La sua altezza massima di 108 m simboleggia le 108 perle del rosario di Mala, un oggetto di culto utile per tenere conto delle ripetizioni di un mantra, delle prostrazioni o del nome di Buddah. Considerato un numero sacro dalle religioni Dharmiche, 108 è inoltre il numero che indica le passioni umane o le afflizioni dell'umanità, laddove il numero 1 indica la massima verità, 0 la vacuità e l'umiltà nella pratica spirituale mentre l’ 8 è il simbolo dell'infinito.
 
Dalla sua apertura nel marzo 2016, il tempo di attraversamento della strada costiera 77 è stato drasticamente ridotto e il nuovo ponte è già diventato un punto di riferimento della contea di Yeonggwang insieme al tempio buddista di Baekje, uno delle più famose destinazioni turistiche del paese. La tradizione narra che il monaco indiano Mirananta giunse per la prima volta sul territorio coreano nel 384 d.C., dove a Yeonggwang fece costruire il primo tempio buddista, divenuto in seguito simbolo dell’origine del buddismo in Corea.
 
IL SISTEMA DI ILLUMINAZIONE
Completato nel marzo 2018, il sistema d'illuminazione del ponte di Yeonggwang si concentra sulla parte centrale, illuminando principalmente i due maestosi piloni e i relativi stralli. Per enfatizzare l’intera altezza della struttura, sono stati necessari apparecchi di illuminazione a lungo raggio in grado di raggiungere un livello di luminanza soddisfacente fino alla cima dei piloni. 
 
28 Powershine MK2 D RGBW con ottica spot sono stati fissati a coppie su robusti supporti metallici posizionati alla base delle torri per illuminarle fino alla sommità con un'emissione luminosa uniforme. 20 Powershine MK2 S RGBW, sempre con ottica spot, sono stati invece installati lungo i bordi del ponte per illuminare gli stralli in tutta la loro lunghezza. Per completare lo schema di illuminazione, 8 Powershine MK2 S in configurazione colore RGBW con ottica media e 8 con ottica larga sono stati installati sulle basi inferiore dei due piloni per illuminarle a 360°.
 
Tutti i corpi illuminanti sono stati dotati di schermo antiabbagliamento per garantire il massimo comfort e sicurezza degli automobilisti. Inoltre, l'intero sistema DMX è gestito con l'ausilio di alcuni amplificatori di segnale DMX a due canali, che dividono e amplificano il segnale DMX per raggiungere tutti gli apparecchi installati sul ponte.
La configurazione cromatica scelta utilizza il bianco, il giallo e il verde in primavera, "la fiaba del sole" alternata a "un'onda fresca in blu e verde" in estate, una "felicità di magenta e viola" in inverno e "sussurri d'amore” durante le festività natalizie, per citare le espressioni dei giornali coreani che descrivono, in occasione della cerimonia di inaugurazione, le caratteristiche degli schemi luminosi scelti.
 
Perfettamente visibile dall'ingresso principale del tempio di Baekje, il sistema di illuminazione a LED si accenderà automaticamente ogni giorno 5 minuti dopo il tramonto. Il bellissimo effetto dinamico cambia colori che ravviva l’intera struttura di notte offre una nuova attrattiva al ponte, già diventato un punto di riferimento in questa regione che collega terra e tradizione.
 
POWERSHINE MK2 D RGBW, che utilizza complessivamente 192 LED di potenza RGBW distribuiti su due moduli, è l’edizione tecnologicamente evoluta del suo rinomato predecessore per illuminazione architettonica da esterni, le cui prestazioni d’emissione significativamente migliorate alzeranno nuovamente l’asticella dello standard di settore. Il controllo digitale indipendente di ciascun modulo, l’ampia scelta di ottiche disponibili e la combinazione di LED RGBW, che fornisce una luce bianca di qualità sorprendente oltre ad una vastissima gamma di tonalità intermedie, garantiscono la massima flessibilità progettuale. POWERSHINE MK2 D RGBW è disponibile anche nella versione Polar Edition, dotata di sistema integrato anti-gelo con vetro frontale riscaldato, per utilizzo anche a temperature estremamente basse.
 
Prodotti installati:
28x AL3690A Powershine MK2 D RGBW
56x AL3710 Ottica spot per Powershine MK2 D
20x AL3700A Powershine MK2 S Spot
   8x AL3702A Powershine MK2 S Medium
   8x AL3703A Powershine MK2 S Wide
92x AL2199 Schermo antiabbagliante per Powershine
   6x GR0066A Amplificatore di segnale DMX IP65 2 canali

Lettonia - Contrasti di luce alla scuola elementare di Riga

Fondata a Riga nel 1911, la scuola elementare Friča Brīvzemnieks è...
leggi

Australia - Il Rockhampton Riverside Precinct prende vita con Griven

Il Rockhampton Riverside Precinct, un’area urbana sulle rive del Fitzroy...
leggi

archivio