news

Australia - Brisbane Powerhouse: luce e arte


La Brisbane Powerhouse è una struttura multifunzionale che ospita spettacoli dal vivo e mostre di arti figurative, sale conferenze e punti di ristoro sulle splendide rive del fiume Brisbane, vicino al New Farm Park, a Brisbane nel Queensland.
Costruita in più fasi tra il 1928 e il 1940 sulla riva orientale del fiume oggi chiamata New Farm Park, la New Farm Powerhouse forniva energia elettrica alla più grande rete di tram dell’emisfero meridionale, oltre che a molti sobborghi di Brisbane. Ufficialmente dismessa nel 1971, quando i tram vennero sostituiti dagli autobus, la Powerhouse venne occupata da orde di abusivi e artisti che ne fecero la loro dimora, lasciando peraltro in eredità i graffiti oggi ufficialmente conosciuti come “aerosol art” e tutelati come patrimonio storico. L'edificio abbandonato non era solo un rifugio per i senza tetto, ma veniva anche utilizzato dall’esercito per esercitazioni di tiro al bersaglio, come set da cineasti e come palcoscenico per eventi “underground” da gruppi locali.
 
Dopo essere sopravvissuto a due decenni di abbandono e ad un progetto di demolizione parziale, l'edificio è stato riacquisito dal Brisbane City Council nel 1989. Simbolo del design industriale del periodo “art deco”, la ex centrale elettrica è stata quindi riqualificata e adibita a centro per lo sviluppo di arte e cultura.
 
Mantenendo intatta gran parte della sua struttura originaria risalente al 1920 caratterizzata dalla “graffiti street-art”, la centrale elettrica è stata riaperta nel 2000 come centro culturale al servizio della città di Brisbane. In seguito è stata ulteriormente restaurata nel 2007 e modernizzata grazie all’utilizzo di acciaio e vetro per la sua struttura esterna. La Powerhouse ora ospita due ristoranti dotati di bar e terrazze con vista sul fiume, due teatri principali con capienza rispettivamente di 740 e 200 posti, un palcoscenico all'aperto per performance dal vivo e varie sale per conferenze. La vecchia centrale elettrica è quindi diventata un punto di riferimento culturale che ospita spettacoli e mostre di arti figurative, tra cui opere teatrali, mostre fotografiche, spettacoli di burlesque e concerti jazz, festival culturali e musicali, inscenando ben 1.250 manifestazioni artistiche per oltre 700.000 spettatori all'anno.
 
Da un punto di vista architettonico, l’edificio conserva ancora lo stile tipico della Brisbane di inizio novecento: la facciata industriale in mattoni rossi, le travi in acciaio degli interni, le gru a cavalletto, il generatore e il cemento delle pavimentazioni costituiscono i residui di una centrale elettrica industriale pre-bellica trasformatasi poi in un iconico centro artistico. Un nuovo impianto di illuminazione è stato recentemente installato per enfatizzare ulteriormente le caratteristiche dello stile industriale di questo straordinario edificio, conferendogli una nuova prospettiva notturna attraverso un uso intelligente di luce e colore.
 
Il direttore artistico della Powerhouse, Kris Stewart, ha voluto dare un tocco di colore alla facciata, così particolare nella sua struttura irregolare e diversamente ombreggiata, per farla risplendere nella notte di Brisbane. RIXONDESIGN, uno studio di progettazione illuminotecnica basato a Brisbane, è stato contattato dal direttore di zona Neil Cairns per progettare e implementare una soluzione permanente che conferisse alla facciata della Powerhouse una nuova valenza notturna. 
In base al progetto, le alte mura della Powerhouse richiedevano una distribuzione uniforme del colore, con rigidi requisiti di anti-abbagliamento perseguibili solo utilizzando potenti apparecchi di illuminazione a LED. Dopo un’accurata simulazione realizzata con l’aiuto di modelli 3D della facciata e dell'area circostante,  Powershine S MK2 in configurazione colore RGBW sono stati ritenuti la migliore soluzione. I corpi illuminanti sono stati installati in due posizioni, sul vano ascensore collocato di fronte all'ingresso principale e su un palo supplementare collocato sul lato destro della facciata in modo da ottenere una distribuzione ottimale di luce e colore, minimizzando al tempo stesso qualsiasi effetto di illuminamento sugli edifici vicini alla ex centrale elettrica. Un’intera tavolozza di colori è ora a disposizione della facciata della Powerhouse, utilizzata come sfondo ideale per i numerosi eventi che si tengono sul suo piazzale nel corso dell'anno.
 
Il Lighting Designer James Rixon afferma: "Siamo grati per aver avuto l'opportunità di progettare una soluzione permanente per questa facciata simbolo della Brisbane artistica e culturale. Grazie a questa nuova illuminazione esterna, la facciata assume una nuova valenza durante le ore notturne quando diventa il centro di una brillante vita notturna. Vorrei ringraziare il direttore Neil Cairns e il Consiglio di amministrazione della struttura per la fiducia che ci hanno accordato.”
 
POWERSHINE MK2 S, che utilizza 96 LED di potenza RGBW, è l’edizione tecnologicamente evoluta del suo rinomato predecessore per illuminazione architettonica da esterni, le cui prestazioni d’emissione significativamente migliorate alzeranno nuovamente il livello dello standard di settore. L’ampia scelta di ottiche disponibili e la combinazione di LED RGBW, che fornisce una luce bianca di qualità sorprendente oltre ad una vastissima gamma di tonalità intermedie, garantiscono la massima flessibilità progettuale. POWERSHINE MK2 S è disponibile anche nella versione Polar Edition, dotata di sistema integrato anti-gelo con vetro frontale riscaldato, per utilizzo anche a temperature estremamente basse.
 
Prodotti installati:
10x Powershine S MK2  RGBW
 
Crediti:
Lighting Design: RIXONDESIGN
Installazione: LED Integrations 
Rivenditore per l’Australia: ULA Group

Vietnam - Effetti speciali per il Nguyen Van Linh Intersection Bridge

Una delle più importanti città commerciali e industriali nel nord del...
leggi

archivio